Logistica: sta migliorando la catena di fornitura

Le difficoltà legate ai trasporti e alla fornitura di prodotti finiti e materie prime hanno via via coinvolto ogni settore industriale e ogni Paese. Oggi rappresentano uno dei più ostici freni alla ripresa, causano ritardi e aumento dei prezzi. Capire il livello di crisi e, soprattutto, le iniziative che vengono messe in campo per superare le criticità è sempre più cruciale per programmare e organizzare le produzioni.

Articoli aggiornati il 27 luglio 2022

Logistica: sta migliorando la catena di fornitura, grazie all’eccesso di offerta di container. L’eccesso di offerta di container sta contribuendo al crollo dei prezzi del mercato dei container di seconda mano, secondo una nuova analisi di Container xChange. [6 Million Extra Containers Are Flooding the Global Supply Chain – SJ]. (Leggi di più)

Articoli aggiornati il 7 luglio 2022

Il titolo Nike in ribasso negli Stati Uniti per i timori di recessione e l’instabilità della catena di approvvigionamento. Il titolo Nike (NYSE: NKE) è scambiato oggi al ribasso nel pre-mercato USA nonostante abbia registrato un aumento degli utili nel quarto trimestre fiscale del 2022. Il titolo sta andando alla deriva verso i minimi da 52 settimane. Inoltre, con una perdita da inizio anno di quasi il 34%, le azioni Nike stanno sottoperformando i mercati e il divario sembra destinato ad allargarsi ulteriormente. Le azioni Nike sono state sotto pressione a causa di problemi con la catena di approvvigionamento. (Leggi di più)

I problemi della supply chain contribuiscono per la metà dell’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti. Secondo una nuova ricerca della Federal Reserve Bank di San Francisco, i vincoli di offerta, esacerbati dalla guerra russa in Ucraina quest’anno, rappresentano circa la metà dell’impennata dell’inflazione statunitense, con la domanda che attualmente pesa per un terzo dell’aumento. [Fonte: Bloomberg]. (Leggi di più)

Articoli aggiornati il 8 giugno 2022

Effetti del Nearshoring: aumentano le esportazioni di calzature messicane verso gli USA. Le esportazioni di calzature crescono dopo il rallentamento dovuto al Covid-19, scrive Luces de Siglo. I calzaturifici messicani traggono vantaggio dall’allontanamento delle imoprese statunitensi dalla supply chain organizzata dalla Cina in Asia, secondo il CICEG (Cámara de la Industria del Calzado del Estado de Guanajuato). (Leggi di più)

Articoli aggiornati il 18 maggio 2022

I produttori dovranno presto affrontare problemi di domanda in aggiunta agli scricchiolii della catena di approvvigionamento. Uno spostamento della spesa dei consumatori lontano dai beni potrebbe colpire le aziende che già lottano per assicurarsi le forniture. Prima della pandemia, l’e-commerce faceva sembrare che tutto fosse a portata di mano. Questo documentario del WSJ porta gli spettatori nel viaggio di 14.000 miglia di mesi di un tipico bene di consumo dalla fabbrica alla porta principale per rivelare come il processo sia molto più complesso e vulnerabile di quanto molti di noi immaginassero. (Leggi di più)

Articoli aggiornati il 19 aprile 2022

Dopo la pandemia, le forniture di scarpe dall’Asia agli USA non sono ancora ritornate a regime. Le importazioni di calzature negli USA sono aumentate, nei primi due mesi del 2022, a +29,3% anno su anno, con 432,32 milioni di paia, secondo l’Office of Textiles & Apparel ( OTEXA ) del Dipartimento del Commercio. Se recentemente dalla Cina è aumentato l’import a +40,9%, dal Vietnam è calato a -5% perché i problemi di produzione persistono. [Vietnam Production Still Lagging, Shoe Imports Data Shows – Sourcing Journal]. (Leggi di più)

Articoli aggiornati il 11 aprile 2022

Secondo Deloitte il “Nearshoring” potrebbe risolvere i problemi logistici dell’America. La tendenza verso un maggiore “nearshoring” per alleviare il caos della catena di approvvigionamento globale non è nuova ma è sempre più importante, secondo quanto afferma in video con Yahoo-Finance Paul Wellener, vicepresidente di Deloitte, leader dei prodotti industriali e delle costruzioni negli Stati Uniti. (Leggi di più)

Articoli aggiornati il 29 marzo 2022

Il clima estremo, dalle inondazioni agli incendi, sta martellando sempre più porti, autostrade e fabbriche e sta peggiorando. La pandemia di Covid ha giustamente ricevuto la maggior parte della colpa per gli sconvolgimenti della catena di approvvigionamento globale negli ultimi due anni. Ma l’impatto dei cambiamenti climatici sulle catene di approvvigionamento rappresenta una minaccia molto più grave e si fa già sentire secondo studiosi ed esperti. [Climate Change Is Disrupting the Global Supply Chain Too – Wired]. (Leggi di più)

Articoli aggiornati l’8 marzo 2022

Come la guerra interrompe le catene del valore. Il gigante delle spedizioni Maersk interromperà temporaneamente tutte le spedizioni di container da e verso la Russia, molti legami aziendali con la Russia sono stati sradicati, carte di credito bloccano istituzioni finanziarie russe, investitori tagliano le loro posizioni in Russia, Bitcoin saltato, mentre le catene di approvvigionamento globali affrontano nuove interruzioni e inflazione dei costi. (Leggi di più)

Articoli aggiornati al 26 febbraio 2022

Mentre alcuni dei principali calzaturieri sono ottimisti sul fatto che le pressioni sulla catena di approvvigionamento si possano allentare tra breve, almeno un analista è controcorrente e lancia l’allarme [Top Analyst Downgrades Nike and Foot Locker, Says There’s a ‘Mistaken Belief’ Supply Chain Issues Have Improved – FN]. (Leggi di più)

Articoli aggiornati al 29 gennaio 2022

Nike prevede una serie di contromisure, tra le quali la ferrovia e l’allargamento della rete di distribuzione per migliorare il flusso di arrivi e spedizioni, nel mezzo della crisi logistica e della carenza di materiali, a causa della pandemia. Retail Dive informa che Nike ha adottato un treno dedicato tra Los Angeles a Memphis che chiama “sole train” (unico treno). Ma ha anche aggiunto dei magazzini regionali negli USA e in Europa, e mille “collaborative robots” per smistamento e imballaggio mentre molti lavoratori sono in lockdown. (Leggi di più)

Articoli aggiornati al 2 febbraio 2022

Anche quest’anno peseranno negativamente le crisi sulla catena di approvvigionamento logistico a cui si è assistito nel 2021.
“C’è una fine in vista per l’interruzione della catena di approvvigionamento?”, si domanda il Financial Times che denuncia la profondità della crisi della catena di approvvigionamento globale. (Leggi di più)

Negli Stati Uniti l’amministrazione Biden ha annunciato che investirà sulle infrastrutture per rafforzare la navigazione commerciale, anche espandendo la capacità in alcuni dei porti più grandi e in più rapida crescita della nazione, incluso il porto di Long Beach, per far fluire le merci dalle navi agli scaffali più velocemente. (Leggi di più)